Armagnac

Armagnac (1)

Mercoledì, 19 Luglio 2017 23:16

Armagnac - Il distillato più vecchio del mondo

Written by

Storia dell'Armagnac : L'Armagnac è un distillato di vino francese che , nelle campagne di marketing sempre più aggressive , i produttori di Guascogna amano definire il "distillato più antico del mondo". Se questo sia o meno vero è oggetto di diatriba e il primato è conteso con il whisky : infatti la prima traccia documentale dell'esistenza di un'acquavite di Guascogna è del XIV secolo ( si tratta di un libro scritto dal priore di Eauze nel 1310 , conservato presso la biblioteca vaticana ) , mentre la prima traccia documentale dell'esistenza in Scozia di una distilleria di whisky è del XV secolo . Restringendo invece il campo alle acquaviti e ai distillati di vino , il primato è indiscusso tanto che l'Armagnac veniva prodotto con il nome di Aygue Ardente quando il Cognac probabilmente non era ancora nato.

una bottiglia di Jenneau , uno dei più noti produttori di Armagnac

Come si produce l'Armagnac : l'Armagnac , analogamente al Cognac e ai brandy , è un distillato di vino. Il vitigno più impiegato nella distillazione è l'Ugni Blanc detto anche Saint-Emilion , che ha molti tratti genetici in comune con il Trebbiano Toscano. Molto utilizzati sono anche la Folle Blanche o Picpoul , il Colombard e il Baco Blanc. Meno utilizzati , ma autorizzati dal disciplinare , sono la Folle Jaune , il Jurancon Blanc , la Blanquette , il Mauzac , il Graisse e la Clairette de Gascogne : alcuni produttori illuminati , per distinguersi dai grandi produttori che monopolizzano le esportazioni e il mercato internazionale , hanno iniziato a distillare alcuni di questi vitigni in purezza , ottenendo prodotti molto apprezzati dagli intenditori di nicchia.

Altri fattori che determinano in modo netto le caratteristiche sono le modalità di distillazione e di invecchiamento : l'alambicco tradizionale per la distillazione dell'Armagnac è a distillazione continua ( Alambicco Armagnacais ) , ovvero non è effettuato con il ripasso in due distillazioni successive come nell'alambicco utilizzato per la produzione del Cognac ( Alambicco Charentais ) , che tuttavia non è vietato dal disciplinare e infatti negli ultimi decenni alcuni produttori hanno iniziato ad utilizzare anche l'alambicco "oriundo" perché il prodotto così ottenuto ha bisogno di minor invecchiamento e può essere immesso più prontamente nel mercato.

Per quanto riguarda l'invecchiamento , il processo prevede un primo passaggio in botti da 400 litri in rovere della Guascogna , che cedono al distillato i tannini ( che conferisce pian piano il colore giallo ) e la lignina , che conferisce gli aromi. Una volta ricevute le sostanze necessarie , il cantiniere provvede a passare l'Armagnac prima in botti usate ( che quindi hanno già ceduto queste sostanze ) e poi al taglio , all'assemblaggio e all'imbottigliamento.

Zona di Produzione e Crus di Armagnac : la regione di produzione è la Guascogna , nella zona Sud-Occidentale della Francia avvicinandosi alla catena montuosa dei Pirenei che separa la Francia dalla Spagna. Il disciplinare prevede poi tre ulteriori sottozone ( Crus ) : Bas-Armagnac , Ténarèze-Armagnac e Haut Armagnac. I distillati prodotti con assemblaggi provenienti da più di una di queste zone vengono detti genericamente Armagnac , mentre distillati provenienti da una singola sottozona prendono il nome del Cru di provenienza.

Denominazioni degli Armagnac in base all'invecchiamento : per individuare le varie tipologie di Armagnac in base al tempo di invecchiamento , si possono trovare diciture commerciali simili a quelle del Cognac ( Trois Etoiles per gli Armagnac giovani , Very Old - V.O. o Very Superior Old Pale - V.S.O.P fino a 5 anni , Extra Old X.O. o Vieille Réserve o Napoléon fino a 6 anni , Hors d'age fino a 10 anni ) ma anche l'età esatta dell'invecchiamento perché l'Armagnac in genere ha il suo apice di proprietà organolettiche in una fase più avanzata rispetto al Cognac , tipicamente fra i 10 e i 40 anni . Pertanto per gli Armagnac di fascia alta si può trovare sull'etichetta l'età di invecchiamento del distillato al momento della commercializzazione , tipicamente 10 , 15 , 20 o 25 anni.