Chateau Latour

Chateau Latour (2)

Mercoledì, 19 Luglio 2017 22:38

Le migliori annate dello Chateau Latour

Written by

Quando si ha a che fare con vini estremamente importanti e costosi , vale per lo Chateau Latour così come per altri vini francesi ( si pensi allo Chateau Lafite , o ai vini della Domaine Romanée Conti , ecc ) o italiani come i Brunelli di Montalcino , gli Amarone , i Barolo , i Supertuscans , ecc diventa importante valutare anche quali siano state le annate climaticamente migliori che abbiano dato luogo alla migliore espressione di questi mostri sacri dell'enologia.

Una prima via per sapere quali siano le migliori annate dello Chateau Latour ( o vendemmie , vintàge in francese ) è considerare la valutazione dell'annata nella regione e nella denominazione d'appartenenza : lo Chateau Latour si trova nel Bordeaux e più precisamente nel Mèdoc , ricandente nell'Appellation Pauillac AOC. Fra le vendemmie recenti , annate eccezionali per i vini del Médoc sono state il 2003 , il 2000 , e negli anni '90 le annate 1996 e 1990 . A cavallo dell'ultimo decennio del '900 si ebbero du annate eccezionali consecutive , ovvero il 1989 e il 1990. Fra le meno recenti risultano essere state ottime annate per i bordolesi il 1985 , il 1982 , il 1975 e il 1970 . Altre vendemmie storiche , più indietro nel tempo , sono state le annate 1961 , 1959 , 1955 e 1945 .

Sono invece ritenute buone annate , in tempi recenti , il 2002 , il 2001 , il 1998 , il 1995 , il 1988.

Una bottiglia di Chateau Latour 1945 ben conservata può valere svariate migliaia di euro

La seconda via è invece meno generalista e scende nel dettaglio del Cru considerato : se infatti il macroclima della regione può dare indicazioni di massima sulla qualità di un'annata , cioè che poi contraddistingue un terroir dall'altro è il microclima del terroir stesso , che può portare a scostamenti più o meno rilevanti . Questa seconda via consiste quindi nell'andare a sfogliare le guide , con relativi punteggi e indicazioni , specificamente per il vino considerato o , meglio ancora , le stesse indicazioni del produttore.

Abbiamo seguito questa seconda via per riportarvi le migliori annate dello Chateau Latour degli ultimi 20 anni , riportando i punteggi di Robert Parker ( Wine Advocate ) e/o della rivista Wine Spectator

2007 : 92 Punti Robert Parker
2006 : 95 Punti Robert Parker e 95 Punti Wine Spectator
2005 : 99 Punti Wine Spectator e 96 Punti Robert Parker
2004 : 95 Punti Robert Parker e 95 Punti Wine Spectator
2003 : Punteggio Pieno per Robert Parker ( 100 ) e 98 Punti Wine Spectator
2002 : 96 Punti Robert Parker
2001 : 95 Punti Robert Parker
2000 : Punteggio Pieno per Wine Spectator ( 100 ) e 98 Punti Robert Parker

Come possiamo vedere , fermandoci un attimo agli anni 2000 , i due metodi sopra indicati portano a risultati concordanti : il 2000 e il 2003 , annate eccezionali per il Bordeuax , lo sono state anche per lo Chateau Latour , che in occasione di queste due vendemmie ha ottenuto il massimo riconoscimento rispettivamente da Wine Spectator e da Wine Advocate (R.P.) .

Continuiamo quindi con gli anni '90 :

1999 : 94 Punti Robert Parker e 93 Wine Spectator
1998 : 90 Punti Robert Parker e 89 Wine Spectator
1997 : 89 Punti Robert Parker e 88 Wine Spectator
1996 : 99 Punti Robert Parker e 97 Wine Spectator
1995 : 96 Punti Robert Parker e 94 Wine Spectator
1994 : 93 Punti Robert Parker e 90 Wine Spectator
1993 : 90 Punti Robert Parker e 89 Wine Spectator
1992 : 90 Punti Wine Spectator
1991 : 91 Punti Wine Spectator
1990 : Punteggio Pieno per Wine Spectator ( 100 ) e 95 Punti Wine Advocate

Andando a ritroso negli anni precedenti , ci limitiamo a citare alcune annate significative :

1989 : questa annata è forse quella dove la valutazione della regione Bordeuax da quella del Terroir dello Chaeau Latour si differenzia maggiormente. Essendo infatti il 1989 un'annata storica per il Bordeaux , lo Chateau Latour 1989 ottiene "solo" 94 punti da Wine Spectator e 89 da Wine Advocate di Robert Parker.
1982 : Punteggio Pieno Robert Parker ( 100 Punti )
1975 : 93 Punti Wine Spectator
1971 : 94 Punti Robert Parker
1970 : 93 Punti Wine Spectator
1966 : 96 Punti Robert Parker
1959 : 98 Punti Robert Parker
1948 : 94 Punti Robert Parker
1945 : Punteggio Pieno Robert Parker ( 100 Punti )

 

Mercoledì, 19 Luglio 2017 22:03

Chateau Latour

Written by

Chateau Latour è per i Bordeuax quello che Chateau d'Yquem è per i Sauternes : la perfezione , il modello verso cui tendere. Insieme allo Chateau Lafite Rotschild e allo Chateau Margaux fu uno dei tre produttori del Medòc che ottenne la denominazione Premier Cru nella classificazione dei Vini di Bordeaux del 1855. Una degustazione verticale di Latour resta una esperienza indimenticabile nel vissuto di qualsiasi eno-appassionato : permetteteci la battuta , anche a livello di portafoglio , dato che il prezzo di una bottiglia di Chateau Latour si aggira a secondo delle annate più o meno prestigiose da circa 500 euro ad anche 2000 euro ed oltre ( anche senza scomodare le annate da collezione come il 1961 : una cassa da 12 bottiglie di Chateau Latour 1961 è stata recentemente battuta all'asta da Christie's ad Hong Kong per circa 170mila euro ).

Una vista della caratteristica torre che dà il nome allo Chateau Latour di Pauillac

Dove si trova lo Chateau Latour : l'eccellenza dello Chateau Latour ha ragioni storiche e soprattutto geografiche : si trova infatti nella regione del Bordeuax , insieme alla Borgogna storicamente le due regioni più importanti per la produzione di vini di qualità. All'interno della regione del Bordeaux , poi , si trova nella zona del Médoc e a sua volta fra le più gloriose Appellation del Médoc , ovvero il Pauillac AOC ( la stessa appellation sotto la quale ricadono anche lo Chateau Lafite-Rothschild e il Mouton-Rothschild ) . Nel comune di Pauillac , il terroir di Latour è quello che dispone delle condizioni microclimatiche e geologiche migliori : ottimo drenaggio naturale su un sostrato d'argilla che permette di trattenere l'umidità necessaria alla stagione estiva.

Storia della Chateau Latour : la storia della Tenuta vinicola viene fatta risalire al 1670 circa , anche se la viticoltura attorno alla torre di vedetta costruita dagli inglesi nel XIV secolo è antica quanto e forse di più della torre stessa ( chiamata prima Tor à Saint-Lambert e poi , a seguito della distruzione e ricostruzione La Tour Saint-Mambert ). La fama dello Chateau Latour , come quello di diversi altri bordolesi come lo Chateau Lafite o il Margaux , cresce esponenzialmente nel 1700 con le esportazioni in Inghilterra e il successo presso la corte reale. La storia recente della tenuta vede diversi passaggi di proprietà a partire dal 1963 , quando gli eredi della famiglia Segùr , che ne avevano detenuto la proprietà sin dal '700 decidono di cedere a gruppi stranieri. Passaggi che hanno termine nel 1993 , quando lo Chateau Latour torna ad una proprietà francese per iniziativa del finanziere Francois Pinault , proprietario fra l'altro di Printemps e della FNAC ( Federazione Nazionale dell'Acquisto per i Quadri ) , confermando lo stretto legame che esiste ormai in Francia fra il settore vinicolo e quelli del lusso , dell'arte e della grande distribuzione.

Vini dello Chateau Latour :
oltre al Premier Gran Cru Classé , lo Chateau Latour produce anche un second vin , sempre rosso e sempre ricadente nell'Appellation Pauillac Controlée , il Les Forts De Latour